Il Blog

Il blog che state leggendo nasce per caso e cresce svogliatamente.
Inizialmente volevo un blog perché era (è ancora?) di moda. Tutti ne avevano almeno uno e se volevi essere un tipo da web2.0 dovevi averne uno.
Poi mi sono reso conto che NON ero un tipo da web2.0, però l’idea di poter scrivere tutto ciò che mi passa per la mente da qualche parte che non fossero i mille foglietti che ho sparsi per i cassetti di casa e che irrimediabilmente perdo, mi piaceva.
Un giorno, dopo una discussione a più voci via mail,  a Viviana venne in mente che si poteva aprire un blog per discutere di argomenti a caso in maniera più… comoda.
L’idea piacque a tutti ma rimase lì e nessuno ne fece nulla.
Finché un giorno prenotai il viaggio negli Stati Uniti e decisi che potevo usarla come scusa per aprire finalmente il blog. Come scrissi nel primissimo post.
La citazione del titolo cui accenno in quel primo post è di mio suocero Eugenio che, essendo un inguaribile autarchico, è convinto che non esista posto più bello che casa propria.
Io credo che abbia ragione. Basta solo decidere dove sia casa propria.

Non sono un blogger particolarmente attivo e quindi non vedrete necessariamente post giornalieri.
Scrivo quando ne ho voglia, quando posso e soprattutto quando ho qualcosa da scrivere.
Il blog non è tematico per cui scriverò di qualsiasi cosa.

In linea di massima chiunque potrà commentare. I commenti sono comunque moderati da me per cui – è pur sempre casa mia – potrebbe capitare che decida di non pubblicare qualcosa. Fatevene una ragione!

Ultima annotazione tecnica: se siete first time visitors il vostro primo messaggio verrà posto automaticamente in moderazione. Siate pazienti. Appena lo vedo, lo pubblico (salvo quanto detto sopra).

Buona lettura/scrittura!

Annunci