Il dolore necessario


Cattive Abitudini

Massimo Volume - Cattive Abitudini

Sono giorni che penso a voi
esercito di santi malati di malinconia
Da quando mi è arrivato a casa 7 giorni fa. Da quando l’ho messo freneticamente nel lettore CD copiandolo
poi in versione “portatile”.
Da allora penso ai Massimo Volume. Al loro nuovo lavoro atteso 11 anni.
Erano mesi ormai che se ne parlava tra noi fan della “vecchia guardia”, quelli che da 15 anni o più sono
iscritti all’omonima mailing list.
Ed è stata dura digerirlo.
Perché il disco è esattamente ciò che speravamo.
Come i testi di Mimì, che iniziano a metà di una storia, lasciandoti intendere che qualcosa dev’essere
successo prima.
Solo che stavolta il prima lo conosciamo bene. L’abbiamo vissuto. E, seppur di riflesso, abbiamo
contribuito a crearlo.
E così ci ritroviamo a rivivere le feste, i viaggi in auto verso Bologna, Torino, Brescia… gli incontri, le parole,
gli amori. E la musica. A guidarci.
Ma sono passati 11 anni. Avevamo altri amori allora, altre case, altri mestieri. Altre emozioni e
altra energia. E poi 11 anni fa si era concluso male. Ci avevamo messo una pietra sopra e avevamo
cambiato strada.
Ora è doloroso ricordare e riprendere il filo di una vita precedente. Ma è un dolore che ci è mancato. E’
un dolore rigenerante, che risveglia energie sopite da troppo tempo. Un dolore di cui avevamo bisogno, necessario.

E’ venuto il momento di andare
e di dimenticare ciò che era e ciò che è stato.

E’ venuto il momento di riprendere certe Cattive Abitudini.

Annunci

2 thoughts on “Il dolore necessario

  1. Quel che è rimasto appiccicato. Lembi di vita vissuta, e abbandonata da anni. La domanda è se quella pietra vada smossa. O se non sia il caso di volgersi altrove. Non ho avuto ancora il ? di ascoltarlo. Mi ripeto: è solo uno specchio, una cassa di risonanza. E allora stringimi, succederà comunque, perché è questo che ci aspetta. Quel dolore c’è sempre stato, anche in questi 11 anni: aveva bisogno di nuove rappresentazioni, nuovi strumenti. Eccoli.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...