Happy Family

Prendo spunto dal commento di valeskywalker (4.) a un post del blog di vb per parlare di un mio vecchio chiodo fisso.
Mi ha sempre colpito una cosa delle norme che regolano le adozioni.

Non conosco nel dettaglio la normativa ma immagino che le norme per poter adottare un bambino siano così severe allo scopo di tutelare unicamente il minore.
Semplifico molto ma si vuole, in sostanza, evitare che il bambino cada dalla padella alla brace.
Così si vieta l’adozione a coppie non sposate da tot anni (peraltro non si può escludere che una coppia adottiva divorzi dopo aver adottato), si vieta l’adozione a single, a coppie omosessuali, ecc ecc.

Ritengo i controlli tutti giusti ma allora, mi domando, perché lo Stato non controlla coerentemente anche le famiglie naturali?
Perché si da per scontato che una donna o un uomo single, che una coppia omosessuale o una semplice coppia convivente (magari da anni) non siano in grado di essere dei buoni genitori mentre, chessò,  una coppia benestante dove entrambi lavorano tutto il giorno e non hanno tempo per educare ed accudire un figlio possono tranquillamente procreare crescendo un infelice?

Valeskywalker nel commento dice che un bambino ha bisogno di un padre e una madre. Giustissimo.
Ma mi chiedo se non sia meglio avere due ottime madri o due ottimi padri piuttosto che un pessimo padre e una pessima madre.

Annunci

3 thoughts on “Happy Family

  1. ciao,
    cio’ che intendo dire è che l’attuale sistema sulle adozioni è pieno di disfunzioni. Ad esempio si creano degli ingorghi pazzeschi di carte bollate a causa dei quali le coppie aspettano per anni di essere valutate, sezionate etc da sedicenti psicologi e assistenti sociali mentre altre sono raccomandate perché hanno ganci con le autorità competenti e si ritrovano un bimbo molto più velocemente, indipendentemente dal merito.
    Un altro esempio: la differenza dell’età tra genitore adottante e figlio è prevista maggiore di 5 anni per il padre rispetto alla madre. Quindi se in una coppia lei ha un anno più del marito o due o tre, già si perde la possibilità di adottare un bambino che abbia un’età molto piccola.
    Non sono contraria all’idea che un genitore single possa essere un ottimo genitore, naturale o adottante, ma prima di andare a fare una legge per favorire l’adozione dei single o delle coppie omosessuali, sarebbe bene revisionare le procedure e le valutazioni dei genitori che sono già in attesa da anni, prevedendo anche un coordinamento a livello di Unione Europea perché ci sono paesi con più bambini da adottare e paesi con più genitori disponibili ad adottare.

    • ciao e benvenuta!
      Sì, capisco perfettamente. D’altra parte siamo il paese della burocrazia che – inevitabilmente – porta alla raccomandazione per aggirarla.
      L’unica cosa che “contestavo” della tua affermazione è che, se una riforma va fatta – che la si faccia bene.
      Quindi non un “prima pensiamo alle famiglie adottanti normali” e poi pensiamo agli altri ma fare una bella riforma moderna tout court, una volta per tutte.
      Perché fare sempre le cose all’italiana, per accontentare chi alzza la voce sul momento invece di prevedere delle leggi logiche, che guardino al futuro?

      • sarei d’accordo anche io con te se non avessi pochissima fiducia nei legislatori italiani: non ce la fanno dal 1948 a fare leggi che guardino al futuro,a questo punto potrebbe essere un modo più effettivo di sanare il sistema andando per passi successivi piuttosto che fare l’ennesimo salto in lungo con finale di buco nell’acqua

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...