Crisi? Quale crisi?

Cairoli alla Yamaha di Gerno di Lesmo

Cairoli con i lavoratori della Yamaha a Gerno di Lesmo

Lo scorsa domenica Valentino Rossi vinceva il suo nono motomondiale.
La stessa domenica un ragazzino americano, Ben Spies, vinceva il suo primo mondiale Superbike.
Sempre la stessa domenica un giovane britannico, Cal Crutchow, si laureava campione del mondo Supersport.
Infine, all’inizio di settembre, con una gara di anticipo, il messinese Tony Cairoli veniva incoronato campione del mondo MX1 di motocross.

Cos’hanno in comune i 4 piloti? Semplice! Corrono correvano tutti su moto Yamaha.
Non solo. A parte Crutchow, gli altri tre correvano con team italiani.

Il 2009 insomma è stato dominato dalla Yamaha con un sostanziale contributo italiano.
Si potrebbe quindi supporre che il binomio Italia-Yamaha sia vincente (Valentino su tutti, ma anche Cairoli è già al suo terzo mondiale con la casa dei tre diapason)
Si potrebbe supporre che la Yamaha Italia, con sede a Gerno di Lesmo, dove hanno casa sia il team di MotoGP che di Superbike sia una sorta di gioiello.

E invece… invece alla Yamaha gli italiani devono stargli proprio antipatici.

Perché dopo la sorprendente notizia del licenziamento di tutta la squadra di MX1, pilota campione del mondo compreso, ora arriva anche questa bella doccia fredda per i lavoratori di Gerno.

Ora, business is business e non si pretende che ci sia del sentimentalismo negli affari.
Certo fa un po’ specie pensare che abbiano deciso di spostare la produzione, NON in qualche paese con basso costo di manodopera – cosa che avrebbe avuto un senso economico – ma in Spagna.

Probabilmente anche la Yamaha fa parte del manipolo di disfattisti comunisti che remano contro l’ottimismo del governo, ma sono in buona compagnia assieme ad altre decine di aziende piccole e medie che qui intorno chiudono o si ridimensionano.

Piccola curiosità: lo stabilimento Yamaha Italia è a ca 200m in linea d’aria da una famosa villa di Arcore.

Annunci

One thought on “Crisi? Quale crisi?

  1. Nello stesso stabillimento di Lesmo dove la produzione viene chiusa per essere spostata in Spagna, il settore R&D – ricerca e sviluppo – che contribuisce anche al settore corse – fa straordinari. Io di gestione aziendale non capisco una fava, ma c’è qualcosa che mi suona molto, molto sbagliato… Un’altra curiosità: la Honda che pure ha uno stabilimento vicino a Yamaha chikude la propria produzione spagnola per trasferirla in Italia. Mah.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...