Frustate mondiali

Provo a commentare da “tifoso” (con tutto ciò che di negativo implica questa definizione: parzialità, ignoranza e becerume!) la sentenza della FIA riguardo al caso del presunto incidente di Piquet jr.
Premesso che Briatore è un personaggio odioso, l’incarnazione del parvenu rozzo ed arricchito; che lo ritengo tranquillamente capace di far rischiare la pelle ad un pilota (che peraltro si è prestato a rischiarla) per vincere una gara, premesso ciò, la sentenza della FIA mi lascia sbalordito
Intanto per le tempistiche. E’ vero che la storia è ormai vecchia di un anno, ma da quando se n’è avuto notizia sono passate pochissime settimane.
Possibile che un caso del genere sia stato “risolto” in così poco tempo?
O che le indagini andassero avanti da molto tempo e la notizia sia rimasta segreta fino ad ora?

Ciò che stupisce è la facilità con cui la Renault e Briatore si siano dichiarati colpevoli. Sembravano i personaggi di un telefilm poliziesco americano. Quelli dove nessuno ha prove nei confronti del sospettato ma la bravura dialettica e psicologica dell’investigatore lo portano a confessare il tutto tra le lacrime.
In realtà da nessuna parte ho letto confessioni di Briatore. Si è semplicemente dimesso senza dire una parola. Spontaneamente immagino.

Ci sono un po’ di anomalie in tutta questa faccenda:

1. Briatore convince un pilota (scarso) a schiantarsi su un muro per barare e vincere una gara. Un gesto gravissimo per cui rischia la radiazione (prontamente ottenuta). E cosa fa Briatore per non farsi beccare? Pochi mesi dopo licenzia il proprio complice!
Chessò, è come se il presidente del consiglio promettesse un seggio da parlamentare a una mignotta e poi non mantenesse la promessa scomparendo. Ovvio che la mignotta si incazzarebbe e tenterebbe di sputtanare il presidente del consiglio – ASSURDO, no?

2. L’idea dell’incidente, a Briatore gli è venuta in mente al momento, data la particolare situazione della gara? Quindi da ordine a Piquet jr di schiantarsi:
a. via radio, sapendo che un qualunque team avversario potrebbe sentirlo
b. senza essere sicuro che l’incidente avrebbe provocato l’ingresso della safety car
c. senza essere sicuro che Piquet jr non si sarebbe fatto male.
d. senza essere sicuro che Piquet jr avrebbe accettato
Oppure era tutto studiato prima per cui prima della gara ha detto a Piquet “se Alonso è davanti, se sta per essere preso, se ha già rifornito e gli altri no, se mancano pochi giri alla fine e se sei ancora in gara (che con Piquet non era mica detto) tu schiantati in quel punto lì che entra la SC di sicuro”

3. La sentenza della FIA, alla fin fine, punisce solo Briatore e il capo degli ingegneri della Renault, Pat Symonds. Nessuna sanzione per la squadra che ha vinto una gara barando (verranno sospesi solo se commetteranno un reato simile nei prossimi anni… dovrebbero essere dei veri imbecilli!). Nessuna sanzione per Piquet che, oltre ad aver barato, ha messo a repentaglio la propria e la vita di altri suoi colleghi in pista. Nessuna sanzione per Alonso che ha vontouna gara grazie a un trucco della sua squadra.

C’è da notare che la FIA non ha un tribunale vero e proprio ma solo un Consiglio mondiale agli ordini diretti di Mosley (che nella vita privata gli ordini – e non solo – ama anche prenderli) e che non ci può essere appello.

Certo in tutta questa teoria mancherebbe il movente: peché Mosley ha voluto la testa di Briatore?
Ma resta anche misterioso il motivo per cui lo stesso Briatore si sia giocato la carriera in F1 per una singola gara.

Annunci

One thought on “Frustate mondiali

  1. Bè, se non ricordo male Briatore non è stato dalla parte di Mosley (per usare un eufemismo) quando qualche mese fa ci si è scannati per il regolamento della nuova F1 e l’iscrizione dei team (e chissà cos’altro). Magari l’ostracismo nei confronti di Mosley può essere stato in qualche modo imposto da Briatore (che nella F1 era abbastanza immanicato e ha sempre avuto il suo peso), assieme ad altri. Tanto più che Mosley è in procinto di lasciare, per cui paradossalmente è ‘intoccabile’ e nella situazione di farla pagare a qualcuno, soprattutto se l’occasione è ghiotta e gratuita come in questo caso (sarebbe interessante sapere se si limita a Briatore per scelta o perchè non può attaccare nessun altro).
    Ci sta anche che non se la sia presa troppo con la Renault: va bene Briatore, ma le multinazionali meglio tenersele amiche.

    Di certo, come dici tu, è quanto meno sorprendente la velocità con cui si è giunti a questa conclusione.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...